AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ACQUASPARTA RIQUALIFICAZIONE ED ADEGUAMENTO DEL PRINCIPALE INGRESSO ALLA CITTÀ – VIA ROMA

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ACQUASPARTA RIQUALIFICAZIONE ED ADEGUAMENTO DEL PRINCIPALE INGRESSO ALLA CITTÀ – VIA ROMA

IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE NEL COMUNE DI ACQUASPARTA (TR)

CLIENTE

Amministrazione Comunale di Acquasparta: Riqualificazione ed Adeguamento del principale ingresso alla Città – Via Roma


PROBLEMI SPECIFICI

Via Roma ad Acquasparta è una Strada Provinciale che funge da via d’ingresso all’antico Borgo all’interno delle mura, è una strada ad alto flusso di traffico, si presenta come una via alberata in entrambi i lati della strada,  confinante a sinistra con un’area di parcheggio/esercizi commerciali e a destra da un parco giochi situato tra strada ed antiche mura del vecchio Castro.

Dato l’elevato traffico veicolare e pedonale dell’area, oltre che la presenza di tutta una serie di ostacoli visivi (alberi, parchi, curve, insegne luminose, incroci, ecc.) nella progettazione i coefficienti di sicurezza devono essere elevati.

L’impianto di pubblica illuminazione che abbiamo trovato nel 2010 al servizio dell’area, si presentava largamente carente dal punto di vista della sicurezza elettrica ed illuminotecnica: altezza dei sostegni non adeguata con punti luce spesso oscurati dalle fronde degli alberi, sostegni obsoleti ed ossidati che non presentavano sufficienti garanzie di sicurezza statica, caratteristiche delle ottiche e delle sorgenti luminose, del tutto simili a quelle utilizzate, ad esempio, in aree residenziali dove il volume di traffico è largamente inferiore, con ottica a coppa non in linea con il regolamento regionale contro l’inquinamento luminoso.

Ampio marciapiedi ai lati della strada non illuminato.

Parco giochi praticamente non illuminato per impianto esistente obsoleto e da tempo non funzionante a causa di un problema alla linea elettrica interrata. Area di parcheggio e commerciale dal lato opposto scarsamente illuminata. Punto luce doppio al centro della piccola rotatoria tra strada e Arco d’ingresso all’antico Borgo, assolutamente inadeguato sia dal punto di vista estetico che illuminotecnico.


LA RISPOSTA CPM

Il progetto proposto ed eseguito è soprattutto finalizzato al miglioramento delle condizioni di sicurezza e delle prestazioni illuminotecniche dell’impianto d’illuminazione nell’osservanza più stretta dei seguenti principi:

  1. Legge n. 20 del 28/02/2005 della Regione Umbria in tema di risparmio energetico e contenimento dell’inquinamento luminoso;
  2. nell’applicazione del relativo Regolamento di Attuazione n.2 del 05/04/2007: “Norme in materia di prevenzione dall’inquinamento luminoso e risparmio energetico”.
  3. norme UNI 11248 e UNI 13201-2-3-4 in tema di prestazioni illuminotecniche degli impianti d’illuminazione pubblica per la sicurezza degli utenti della strada;
  4. norme CEI vigenti in materia di impianti elettrici e di apparecchi d’illuminazione.

La categoria di riferimento stradale è ME3a e ME4b, le sorgenti luminose sono costituite da lampade a vapori di mercurio e sodio alta pressione.

Il tutto però nella consapevolezza che si andava ad operare nel “salotto”  della Città e che quindi l’aspetto estetico delle installazioni andava tenuto ben presente nella progettazione di questo specifico impianto. È stato proposto e realizzato, in questo importante e delicato tratto di viabilità un impianto d’illuminazione realizzato con sostegni/punti luce di arredo urbano di ultima generazione posizionati sulle fascia alta di mercato (Neri illuminazione), che associano una ottima visibilità della strada sia nella visione centrale, sia in quella periferica con 2 punti luce ogni sostegno quello più alto a servizio della strada ed un secondo più basso per illuminare il marciapiede.

I sostegni ammalorati, sono stati sostituiti gli attuali sostegni in “stile” sempre della Neri completi di nuovo basamento che ci ha consentito di raggiungere un duplice obiettivo spostare leggermente i pali dalla sede originaria per far si che il punto luce superiore non sia oscurato dalle chiome degli alberi, ottenere una totale sicurezza statica dell’impianto. Sfruttando l’occasione del rifacimento del marciapiede abbiamo installato nuovi cavi e cavidotti interrati.

Grazie ad uno specifico strumento di ricerca sottoservizi (cerca-cavi) siamo riusciti ad individuare e risolvere l’interruzione del cavidotto che impediva la corretta alimentazione del Parco giochi, rialimentandolo ed installando nuovi punti luce d’arredo a norma (Disano Clima), al posto degli “antichi” punti luce a fungo preesistenti. Abbiamo rifatto completamente l’illuminazione della piccola rotatoria di fronte all’antico arco d’ingresso al Centro storico, con un palo triplo della stessa tipologia delle installazioni della strada, migliorando la visibilità e decisamente anche l’estetica dell’area.

Infine si è rifatta l’illuminazione del parcheggio di fonte ai giardini (lato sx di Via Roma) con l’inserimento di 2 corpi illuminanti d’arredo urbano (AEC Lignano) e di una Torre faro Orion della Engi che grazie ad una particolare disposizione di specchi, riescono a spandere il flusso luminoso di una sola lampada a 400W, allo stesso modo di una vera e propria torre-faro multi proiettore.

Nello specifico gli interventi effettuati sono stati i seguenti:

  1. posa in opera una nuova linea di alimentazione completamente interrata in sostituzione di quella attuale quasi interamente aerea;
  2. sostituzione di tutti i sostegni n. 9 delle attuali apparecchiature, che sono prevalentemente di acciaio, e posa in opera nuovi sostegni in stile.
  3. Sono stati posati in opera n. 19 nuovi apparecchi stradali in stile, compresa la torre tripla di fronte all’arco d’ingresso al Borgo,  caratterizzati da ottiche ad alte prestazioni illuminotecniche e sorgente luminosa ai vapori di sodio ad alta pressione, ad alta efficienza. Anche questi apparecchi osservano le prescrizioni contro l’inquinamento luminoso stabilite dalla Legge Regionale dell’ Umbria 20/05 e saranno dotati di sistema di alimentazione elettronico con regolazione punto-punto del flusso luminoso durante le ore notturne.
  4. Forniti e posti in opera n. 89 nuovi apparecchi stradali AEC KAOS caratterizzati da ottica full cut-off ad alte prestazioni illuminotecniche e sorgenti luminose ai vapori di sodio ad alta pressione, ad alta efficienza. 70 di questi alloggeranno una lampada da 70W, altri 19 saranno con lampada da 150W; questi ultimi, di design più raffinato delle altre armature stradali previste, saranno disposti nell’impianto di via Roma. Gli apparecchi osservano le prescrizioni contro l’inquinamento luminoso stabilite dalla Legge Regionale dell’ Umbria 20/05;
  5. si porranno in opera n. 2 nuovi apparecchi per grandi aree del tipo ENGI ORION caratterizzati da ottica asimmetrica cut-off ad alte prestazioni illuminotecniche e sorgenti luminose ai vapori di sodio ad alta pressione, della potenza di 400W; si tratta di apparecchiature dal design pulito ed elegante che saranno collocati, su speciali sostegni di altezza 10 metri, nelle aree di parcheggio delle due zone commerciali che si affacciano su via Roma.
  6. si porranno in opera n. 3 nuovi apparecchi ad ottica asimmetrica AEC Logika ad alta efficienza, allestiti con sorgenti al sodio ad alta pressione due della potenza di 100W, uno della potenza di 150W. Saranno collocati nel parcheggio dell’area commerciale che fiancheggia via Roma all’altezza del parco e delle mura antiche. Anche questi osservano le prescrizioni contro l’inquinamento luminoso stabilite dalla Legge Regionale dell’ Umbria 20/05;
  7. si porranno in opera n. 12 nuovi apparecchi da arredo ad ottica diffondente, allestiti con sorgenti al sodio ad alta pressione sei della potenza di 70W, uno della potenza di 100W. Saranno collocati in aree con transito pedonale o nel parco giochi adiacente a Via Roma.
  8. nella nuova progettazione generale dell’utenza, saranno completamente rimossi 12 vecchi punti luce pur migliorando l’efficienza energetica dell’impianto, il rispetto delle norme per la sicurezza dei veicoli e dei pedoni e il decoro dei luoghi in virtù della razionalizzazione delle tipologie di apparecchiature installate.

RISULTATI

Abbattimento completo dell’inquinamento luminoso ossia della dispersione verso l’alto del flusso luminoso generato dai corpi illuminanti e migliore qualità di illuminamento essendo passati da 1,3 cd/mq dell’impianto esistente alle 1,5 cd/mq dell’impianto riqualificato (oltre a migliorare l’uniformità orizzontale e longitudinale rispettivamente da 0,4 e 0,7 a 0,5 e 0,8) , come emerge dai calcoli illuminotecnici eseguiti secondo norme UNI UNI 11248 e UNI 13201‐2‐3‐4 con  benefici energetici soddisfacenti, con una riduzione del fabbisogno di energia primaria del 36%, pari  4,26 TEP/anno,  corrispondente ad una diminuzione in termini di emissioni di CO2 in atmosfera pari a 9,66 tons.

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ACQUASPARTA RIQUALIFICAZIONE ED ADEGUAMENTO DEL PRINCIPALE INGRESSO ALLA CITTÀ – VIA ROMA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>