AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CASTELRAIMONDO – COMPLESSO MONUMENTALE DEL CASSERO, MUNICIPIO E MONUMENTO AI CADUTI

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CASTELRAIMONDO – COMPLESSO MONUMENTALE DEL CASSERO, MUNICIPIO E MONUMENTO AI CADUTI

IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE NEL COMUNE DI CASTELRAIMONDO (MC)

CLIENTE

Amministrazione Comunale di Castelraimondo – Complesso Monumentale del Cassero, Municipio e Monumento ai caduti.


PROBLEMI SPECIFICI

La Piazza centrale del Comune di Castelraimondo da dove parte Corso Italia è contornata dal Palazzo Comunale con all’interno il Teatro cittadino, è dominata dalla Torre del Cassero, torrione difensivo dell’antico borgo risalente al 1.300, chiusa a est dall’imponente monumento ai Caduti. Nella zona centrale della Piazza c’è un’antica fontana di pregevole fattura.

Quest’area urbana costituisce il centro fisico e sociale del Paese ed è frequentato tutto l’anno,  sia d’Estate per i locali all’aperto che si affacciano sulla Piazza stessa, sia d’inverno perché da qui partono e/o sono concentrate tutte le più importanti manifestazioni ludiche ed istituzionali organizzate a Castelraimondo.

L’area prima del nostro intervento era illuminata da fari, posizionati sulla facciata comunale e sulle case adiacenti la Piazza che, oltre ad essere altamente antiestetici, illuminavano parzialmente l’area generando un pesante inquinamento luminoso. I monumenti erano praticamente all’oscuro ad eccezione di alcuni pezzi illuminati “a chiazze” dai fasci di luce dei fari.

L’illuminazione del Cassero era realizzata con dei proiettori con lampada al sodio alta pressione che illuminano la parte alta della Torre, non proprio l’ideale a causa del colore giallastro a che sostanzialmente tende a sovrapporsi ai reali colori delle superfici murarie. Il sodio è notoriamente una sorgente luminosa bassa resa cromatica, non adatta per l’illuminazione estetica di monumenti o siti a valore stotico-artistico.

La facciata del municipio è illuminata con due file di luci sui cordoli delle finestre. L’illuminazione del loggiato è realizzato con delle vecchie lanterne in sospensione con lampada fluorescente.

Questo tipo di illuminazione non permette di esaltare ed apprezzare le evidenze architettoniche ed i reali colori della facciata e della muratura tipica del cassero.


LA RISPOSTA CPM

L’illuminazione della Torre del Cassero è stata progettata valorizzando la parte superiore con proiettori con lampada a ioduri metallici da 400W di maggiore resa cromatica (RA>65). Nella parte inferiore invece sono stati installati dei proiettori sulle merlature angolari, con ottiche a fascio stretto, in maniera tale da illuminare le evidenze architettoniche ed alleggerire visivamente tale zona. I corpi illuminanti utilizzati sono:

  • N. 8 Sorgente CDM-TT 150W luce Bianca 3000°K con visiera anti abbaglio per la parte bassa;
  • N. 4 Sorgente scarica 400W HIT-DE G12 3000°K per illuminare la parte alta della torre.

Per l’illuminazione della facciata del municipio è stata utilizzata una sorgente a scarica 70W HIT-DE Rx7s, completo di piastra di ancoraggio a parete.

I corpi illuminanti per illuminare il loggiato (riverniciato nell’occasione) invece sono del tipo a luce indiretta del tipo sorgente a scarica 35W CDM-TC G8,5 3000°K, testa orientabile, completo di gruppo di alimentazione elettronico, eliminando le presistenti lanterne ormai pesantemente usurate.

Il sistema di alimentazione utilizzato è stato pensato per ridurre al minimo l’impatto visivo sulle murate/facciate e senza deturparne la bellezza estetica. L’impianto è stato reso indipendente grazie all’installazione di dispositivi elettrici (magnetotermici, differenziali e contattori) che separano l’illuminazione estetica dagli altri carichi. Questo permette di gestire con la massima flessibilità l’illuminazione del complesso monumentale: spegnimenti/accensioni anticipate, parzializzazioni e cambio colorazione delle luci (ad esempio “dipingere” con il tricolore la facciata Comunale in occasione delle feste nazionali, grazie all’applicazione di speciali gelatine sui corpi illuminanti), sono facilmente implementabili.

Per quanto riguarda invece il loggiato, all’ingresso del Palazzo Comunale, nelle parti a vista si è cercato di ridurre al minimo l’impatto visivo dei cavi e delle derivazioni. In particolare è stato utilizzato come cavo quello della tipologia minerale, che essendo con l’involucro esterno in rame si riesce a mascherare meglio rispetto ad un cavo FG7, mantenendo allo stesso tempo le caratteristiche normative e di sicurezza.

Infine è stato valorizzato anche l’imponente Monumento ai Caduti che chiude la Piazza ad Est, evidenziando meglio il breve percorso alberato, oltre all’architrave e alle scalinate laterali del monumento.

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CASTELRAIMONDO – COMPLESSO MONUMENTALE DEL CASSERO, MUNICIPIO E MONUMENTO AI CADUTI

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>