TUTTI I CLIENTI DELLA C.P.M. GESTIONI TERMICHE SRL

TERMOGRAFIA – STRUMENTO DIAGNOSTICO PER LA VERIFICA DEGLI EDIFICI, DEGLI IMPIANTI O DEI MACCHINARI

CLIENTE

Tutti i clienti della C.P.M. gestioni termiche srl

PROBLEMI SPECIFICI

Il servizio di consulenza termografica viene eseguito a titolo gratuito c/o i nostri Clienti qualora si verifichino quelle situazioni particolari di carenza di riscaldamento all’interno degli di proprietà e/o pertinenza comunale. In questi casi, il personale tecnico C.P.M. dotato di una termocamera FLIR modello i7, esegue l’indagine per valutare l’eventualità di dispersioni di calore e ponti termici nella struttura, eventuali perdite delle linee di distribuzione dell’impianto termico.


LA RISPOSTA CPM

L’utilizzo della termografia come strumento diagnostico non invasivo sta diventando uno dei principali metodi non distruttivi utilizzato per la ricerca di patologie edili, vizi e difetti costruttivi, verifica delle certificazioni energetiche o della buona tecnica costruttiva utilizzata. Dalla termografia degli edifici, degli impianti o dei macchinari si possono trarre utili informazioni da poter proporre al Cliente.


RISULTATI

Il personale tecnico C.P.M., utilizza la termocamera FLIR i7 anche come strumento di misura nell’attività di manutenzione predittiva. La Manutenzione predittiva è un tipo di manutenzione preventiva effettuata a seguito dell’identificazione di uno o più parametri da misurare ed estrapolare utilizzando appropriati modelli matematici con lo scopo di individuare e stimare un tempo residuo prima del verificarsi di un potenziale guasto.

Una delle grandezze da misurare ad esempio è la temperatura. Infatti con latermografia predittiva all’infrarosso sui macchinari si possono rivelando anomalie di funzionamento spesso invisibili ad occhio nudo, la tecnica della termografia permette dunque di programmare preventivamente ed adottare contromisure correttive prima che si verifichino costosi guasti agli impianti elettrici o meccanici. Per quanto riguarda gli impianti meccanici, le indagini vengono eseguite su apparecchiature elettromeccaniche quali le elettropompe. Con una termocamera infatti è possibile ispezionare i motori. Guasti a motori, come l’usura per contatto delle spazzole, nonché eventuali perdite nell’indotto, sono fattori che tipicamente prima di un guasto generano calore in eccesso, ma possono passare inosservati poiché non necessariamente provocano vibrazioni inusuali.

La termografia ad infrarossi offre una panoramica completa, permettendo di confrontare la temperatura di diversi motori. Una termocamera permette di identificare precocemente questi e molti altri problemi. Questo aiuta a prevenire costosi danni ed assicurare la continuità della produzione.

Per quanto riguarda invece gli impianti elettrici, come ad esempio quadri elettrici e quadri di controllo, possono venire regolarmente ispezionati con una termocamera. Se non vengono controllati, il calore può raggiungere un livello tale da far fondere i collegamenti e provocare guasti o incendi. Oltre ai collegamenti allentati, creano problemi ai sistemi elettrici anche gli squilibri di carico, fenomeni di corrosione nonché incrementi nell’impedenza in rapporto alla corrente. Le ispezioni termografiche possono individuare rapidamente i punti caldi, valutare la gravità del problema ed aiutare a stabilire le tempistiche di intervento.

Tra gli esempi di guasti che sono rilevabili con le termocamere nei dispositivi a bassa tensione vi sono:

  • Collegamenti ad alta resistenza
  • Corrosioni dei collegamenti
  • Danneggiamenti del fusibile interno
  • Guasti interni agli interruttori automatici
  • Collegamenti inefficienti e danni interni

Una termocamera permette di identificare precocemente questi e molti altri problemi. Questo aiuta a prevenire costosi danni ed evitare situazioni di pericolo.

TUTTI I CLIENTI DELLA C.P.M. GESTIONI TERMICHE SRL

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>