RIQUALIFICAZIONE TECNOLOGIA ED ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI DEL COMUNE DI ACQUAPENDENTE (VT)

RIQUALIFICAZIONE TECNOLOGIA ED ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI DEL COMUNE DI ACQUAPENDENTE (VT)

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ACQUAPENDENTE – SCUOLA ELEMENTARE
RIQUALIFICAZIONE TECNOLOGICA DELLA CENTRALE TERMICA MEDIANTE SOSTITUZIONE DEL GENERATORE DI CALORE CON UNA CALDAIA A CONDENSAZIONE CON BRUCIATORE AD IRRAGGIAMENTO

CLIENTE

Amministrazione Comunale di ACQUAPENDENTE (VT) – Scuola Elementare


PROBLEMI SPECIFICI

Tra le principali criticità rilevate sono da segnalare:

  • la vetustà del generatore di calore: in particolare la macchina risalente ai primi anni 90, ha un rendimento complessivo abbastanza basso tale da peggiorare il rendimento medio stagionale del’edificio;
  • la distribuzione dei circuiti, ed in particolar modo l’assenza di organi di regolazione per ogni singola zona, rendono alquanto inefficiente la distribuzione del calore e la regolazione delle varie zone;
  • sempre inerente i singoli circuiti, sono da segnalare l’utilizzo di elettropompe ventilate del tutto non conformi alla nuova direttiva ErP, che impone l’utilizzo di regolatori elettronici su ogni motore elettrico, o in ogni caso pompe conformi alla direttiva.

LA RISPOSTA CPM

L’unico intervento di adeguamento normativo eseguito è stato quello riferito al trattamento dell’acqua. È opportuno segnalare che l’unico perché l’impianto termico risponde già alle normative vigenti intermici di INAIL (Ex ISPESL) e VVF.

L’eventualità dell’inquinamento nelle condotte d’erogazione dell’acqua potabile, dovuto ad un possibile passaggio del fluido vettore degli impianti nella rete principale di distribuzione pubblica, è un rischio che non sottovaluteremo, nell’interesse nostro, come gestori, e di tutta la comunità. È quindi necessario, considerata la pericolosità del fenomeno e viste le prescrizioni dettate dalla normativa vigente, proteggere dai rischi derivanti dal ritorno d’acque contaminate sia la rete pubblica che la rete interna di distribuzione dell’acqua potabile. Per ovviare a quest’inconveniente è stato installato all’ingresso del circuito, che collega l’acquedotto all’impianto di riscaldamento di tipo chiuso, una valvola di sicurezza ad azione positiva, chiamata comunemente disconnettore idraulico, che risulta essere un dispositivo sicuro, d’ingombro ridotto, tecnicamente pratico e di facile installazione.

Per quanto riguarda invece gli interventi di Riqualificazione Tecnologica, è stato sostituito l’attuale generatore di calore con un generatore di calore a condensazione VIESSMANN Vitocrossal200 con potenza di 311 kW. Il nuovo generatore è uno dei top di gamma che ha garantito un’elevata efficienza e limitati interventi di manutenzione se non quelli di manutenzione ordinaria indicati dal costruttore.


RISULTATI

La riqualificazione dell’impianto con la sostituzione della caldaia ha portato vantaggi di natura:

  • funzionale;
  • energetica;
  • tecnico – economica;
  • ecologica.

Questo si traduce in

  • aumento dello stato di efficienza ed affidabilità dell’impianto;
  • riduzione dei costi di manutenzione.

La presenza del nuovo generatore consente di ottimizzare l’utilizzo, grazie anche alla presenza di bruciatore a irraggiamento Matrix , con una conseguente diminuzione della manutenzione necessaria.

I benefici energetici derivanti sono quelli dovuti alla riduzione di energia termica ed elettrica. In termini numerici il risparmio conseguibile è di 20,645 TEP/anno, 240.062 kWh, pari ad una riduzione del fabbisogno di energia primaria del 7,31%/anno.

La riqualificazione dell’impianto con la sostituzione della caldaia ha portato vantaggi di natura:

  • funzionale;
  • energetica;
  • tecnico – economica;
  • ecologica

Questo si traduce in

  • aumento dello stato di efficienza ed affidabilità dell’impianto;
  • riduzione dei costi di manutenzione.

La presenza del nuovo generatore consente di ottimizzare l’utilizzo, grazie anche alla presenza di bruciatore a irraggiamento Matrix, con una conseguente diminuzione della manutenzione necessaria.

I benefici energetici derivanti sono quelli dovuti alla riduzione di energia termica ed elettrica. In termini numerici il risparmio conseguibile è di 2.98 TEP/anno (37.421 kWh), pari ad una riduzione del fabbisogno di energia primaria del 41.04 %/anno.

RIQUALIFICAZIONE TECNOLOGIA ED ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI DEL COMUNE DI ACQUAPENDENTE (VT)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>