Fonti di energia rinnovabili

> Energy Service Company, risparmiare salvaguardando l’ambiente

Fonti di energia rinnovabili

Una ESCO al servizio dell’ambiente e del Cliente

Essere in grado di progettare, costruire e gestire impianti alimentati con Fonti di Energia Rinnovabili, per CPM ha significato raggiungere il grado più alto di integrazione verticale dalla sua costituzione. CPM dal 2006 è una ESCO (Energy Service Company), in grado quindi di fornire una consulenza, progetto esecutivo, finanziamento e gestione di impianti alimentati con Fonti di Energia Rinnovabili finalizzati sia all’efficienza energetica, sia alla diminuzione dell’impatto ambientale.
Questa nuova divisione Aziendale ha permesso all’Azienda di poter proporre realmente al Cliente un Servizio Energia Globale, soprattutto integrato, anche a monte della catena del Valore dei servizi energetici.
Infatti essere in grado di utilizzare separatamente, o in modo combinato, fonti energetiche convenzionali (combustibili fossili) e rinnovabili - in misura maggiore cogenerazione e teleriscaldamento ma anche biomasse e solare/fotovoltaico - allinea decisamente l’offerta CPM alla crescente domanda da parte della Pubblica Amministrazione di impianti ad emissioni sempre più eco-compatibili e consente alla Committenza di avvalersi dei vari finanziamenti statali: sugli impianti in conto capitale e in conto energia.

Innovazione e Risparmio

Teleriscaldamento e cogenerazione: risparmiare salvaguardando l’ambiente

È noto che per ridurre l’inquinamento prodotto è fondamentale ridurre il numero delle combustioni e, quindi, delle caldaie utilizzate. Per ottenere ciò si sviluppano progetti di teleriscaldamento, collegando più impianti alla stessa caldaia, riducendo, così, non solo l’emissione dei fumi, ma anche i costi connessi al controllo e alla manutenzione delle caldaie e i rischi legati al malfunzionamento delle stesse.
L’obiettivo CPM, da raggiungere in stretta collaborazione con i propri Clienti, è quello di ottimizzare la “rete del calore”, cercando di sviluppare al massimo il teleriscaldamento, nel rispetto dei vincoli urbanistici e del territorio. Nell’ambito dello sviluppo di progetti di teleriscaldamento si inserisce, quando reso opportuno da un utilizzo della caldaia superiore ai 300 giorni l’anno, l’impiego di impianti di cogenerazione che, sfruttando il calore dei fumi di scarico, attivano un processo di produzione di energia elettrica di cui l’Ente può disporre, con un ulteriore beneficio in termini di gestione razionale ed efficiente delle risorse.

CPM garantisce al Cliente

  • Studio di fattibilità;
  • Finanziamento del progetto a fronte di un contratto pluriennale di gestione;
  • Progetto esecutivo, collaudo e messa in opera;
  • Risultati come da progetto.